E I GONZI STANNO A UOCCIATTUITZAPPARE (I gonzi sono sempre gli altri, ovviamente) [Il Poliscriba]

Prendere per il culo i digit – gli esseri artificialmente animati dalle serie televisive, dai biopic fasulli, dai sequel per citrulli, dai talkshow demenziali, dai montepremi dei giochi d’azzardo, resi paraumani dai gadget tecnologici muniti di applicazioni sempre più idiote – dev’essere un passatempo molto figo e remunerativo dalle parti delle emittenti di  disinformazione a raffica, talmente imbecilli da far sembrare i gomblottismi deliranti della rete, perle di saggezza.

Analizziamo, all’indomani dei raccapriccianti e prevedibili fatti di Nizza e dello strano golpe militare turco di quest’ultime ore, le solenni cazzate propinateci dai media che più starnazzano e quindi contano come le oche difenditrici del Campidoglio.

Come al solito, si tratta della creazione, a bordo tavolo delle redazioni tiggì, di miti e leggende metrowebbiane che assumeranno le sembianze finali di tormentoni estivi ed evergreen succhiacervelli per i prossimi dieci anni, favole per cerebrolesi dalle quali si potrà liberamente attingere per trascorrere un po’ di sano trolleggiante fancazzismo da blogosfera.

Eccone un elenco non esaustivo e chi ha grigia materia cerebrale per giudicare, giudichi da sé:

1) L’ignobile autista del camion da 15 tonnellate da lui lanciato a 80 km/h, era semplicemente un pazzo, sganciato da ogni riferimento jihadista, perché il califfato non ha rivendicato la strage sulla promenade di Nizza.

2) La polizia l’ha fatto transitare attraverso le transennature della passeggiata marina, perché il suddetto pazzo ha semplicemente affermato di dover urgentemente consegnare gelati!

3) la super-polizia ha fermato il Mohamed Lahouij Bouhlel della situazione, dopo 2 km di folle marcia, (tempo stimato tra zigzag e accelerazioni-decelerazioni, 90 secondi), sparandogli e in qualche modo tirando il freno a mano o accompagnando il mezzo pesante per evitare uno sbandamento da improvvisa morte del conducente…
Ce lo spiegheranno come ci sono riusciti? Ci restituiranno le foto del mezzo BIANCO il cui frontale e le cui fiancate, dai video amatoriali, sembrano intatti, immacolati, senza un minimo schizzo di sangue! (perdonate la macabra considerazione, ma…)

4) C’era un complice, forse due, avevano in dotazione ARMI GIOCATTOLO INOFFENSIVE!!! Per caso, quelle che, si affermerà a breve, dovevano essere distribuite ai bambini massacrati che stavano con  il naso all’insù meravigliati dai botti artificiali?

5) La matrice islamica non è inclusa nella strage, perché non rivendicata, anche se maometto alla guida continuava ad sbraitare il solito urlo martire Allah Akbar! Ma le registrazioni da i-phone et similia come al solito non sono reperibili.

6) La data del 14 luglio non è simbolica per i fondamentalisti islamici, ma lo è per noi che razionalizziamo eccessivamente gli sciagurati atti degli sprovveduti omicidi seriali di cui si narrano le gesta in ogni parte del pianeta. 

7) Il golpe turco non è collegato agli attentati degli ultimi 18 mesi… risatina di sottofondo.

8) È il solito modus operandi della compagine militare turca che periodicamente ristabilisce la laicità e la democrazia pacificamente occupando ciò che deve essere occupato, per poi lasciare al popolo la decisione elettorale sul corso storico che dovrà ri-prendere la nazione turca… sghignazzo di sottofondo.

9) Il golpe è un evento totalmente ENDOGENO alla Turchia, che non è stato influenzato dai recenti successi militari nella guerra al califfato da parte di Putin e quindi non si spiega come mai i golpisti vogliano cancellare la recente pace suggellata tra Erdogan e Vladimiro proprio quando i tagliagole dell’ISIS sono ridotti ai minimi termini a Sirte ed entro 6 mesi potrebbero perdere definitivamente il controllo su Mosul e quindi la guerra.( In realtà la spiegazione logica è stata data proprio qui su pauperclass e non dagli analisti geopolitici che continuano a prenderci per gonzi)… risata nervosa di sottofondo.

10) Il golpe non ha nulla a che vedere con la Casa Bianca, con la perdita di consenso elettorale dei democratici che saranno portati alla disfatta dalla perfida gorgone clintoniana della quale si continua a narrare, presso i gonzi italici, che i sondaggi la danno alla pari con Trump… risate sguaiate di sottofondo.

11) Il golpe non è pilotato dal capitalismo ultraliberista delocalizzante che ha fatto della Turchia il Messico europeo… crasse risate di sottofondo.

12) Il golpe non è un teststress per misurare la fedeltà all’islam radicale di Erdogan del suo partito APK e del popolo che governa come un sultano… irrefrenabili risate di sottofondo con sussulto gastroenterico.

Ci fermiamo qui, colpiti alla fronte da un fullmetaljacket esploso da qualche eroina della police française che arresta la nostra corsa demolitrice delle certezze giornalistiche sciorinate 24H su 24 sulla promenade tv come una liberatoria pisciata all’Oktober Fest in compagnia di un ubriaco  ispettore Clouseau.

“Il fallito golpe è la risposta allo stresstest del punto 12, conferma la fedeltà di Erdogan all’Islam radicale o, in ogni modo, la sua ambiguità di satrapo. Non è un caso che il Qatar fosse pronto ad ospitarlo in caso di esilio: la famiglia reale, alcuni principi, hanno partecipato come invitati al recente sposalizio della figlia avvenuto a maggio. Ora sproloquia di democrazia, ma si vedrà che ruolo avrà la sua nazione islamizzata quando il centro delle manovre jihadiste si sposterà in Kosovo, il prossimo nucleo geografico forte del califfato che sarà forse sconfitto a Mosul.”

E I GONZI STANNO A UOCCIATTUITZAPPARE (I gonzi sono sempre gli altri, ovviamente) [Il Poliscriba]ultima modifica: 2016-07-17T10:03:55+02:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “E I GONZI STANNO A UOCCIATTUITZAPPARE (I gonzi sono sempre gli altri, ovviamente) [Il Poliscriba]

      • Buongiorno Orso,c’e’ fribbrillazione in tutto il mondo,
        poi aggiungiamo il golpe in Turchia,il silenzio di Putin e cinese,l’assedio della base aerea ad Incirlik,la scacchiera storica muove i suoi pezzi e l’Italia? gli italiani ancora piangono il rigore di zaza.

        saluti a lei e al Poliscriba

        • Per myopinion

          Lo zampino dell’Asse del Male a guida elitista-globalista c’è ovunque, dagli Usa (ennesima strage di poliziotti) alla Turchia, passando per la Francia.
          Per quanto riguarda il silenzio di Putin, questo è giustificabile con la considerazione che il grande statista russo potrebbe cogliere l’occasione per contribuire – seguendo la via diplomatica, visto che si tratta di uno molto prudente e moderato – a dividere i paesi Nato e approfondire l’opposizione di interessi, che oggi oggettivamente emerge, fra l’assolutista islamista ottomano Erdogan e il serpente Obama (la questione dell’estradizione di Gulen è solo la punta dell’iceberg del contrasto fra i due membri dell’Asse del Male).
          E’ ovvio che un forte indebolimento della Nato sarebbe positivo per la maggioranza dei popoli europei … che dovrebbero stare, in questi frangenti storici, con Putin e il suo gruppo di potere.

          Cari saluti

          Eugenio Orso

  1. EMettiamola cosi’ – la Francia e’ in stato di allerta nazionale, la promenade des anglais, e’ cordonata e questo arriva con un camion e nessuno lo ferma ? E’ talmente assurdo da essere credibile – forse –
    arriva un camion, la polizia non lo ferma ? Perche’ – queste sono le domande, altro che i gelati – OK, porti i gelati, apri e vediamo. I poliziotti addetti probabilmente stavano a bere e fumare e dovrebbero essere impiccati come si sarebbe fatto solo un secolo fa – non aggiungo altro.

    • Per Ianzo
      E se il camion killer l’avessero fatto passare di proposito?
      Prorogare lo stato d’emergenza fa comodo a Hollande, Valls e – soprattutto – ai loro padroni sopranazionali.
      Del resto, non molto tempo fa il bieco socialistoide europide Valls ha dichiarato che gli attacchi terroristici dureranno per tutta una generazione!

      Cari saluti

      Eugenio Orso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.