Guerra civile in Francia? La paventa Valls di Eugenio Orso

Attendendo i ballottaggi di domenica prossima per le regionali in Francia, governo e socialistoidi euroservi fanno di tutto per spaventare i francesi, astenutisi in buon numero al primo turno, in modo che vadano a votare numerosi al secondo contro il Front National. Costoro agitano il pericolo “estrema destra”, non tanto e non soltanto per recuperare terreno e conquistare qualche regione nei ballottaggi, visto il calo di voti (ma purtroppo non il crollo) nel primo turno di domenica scorsa, ma principalmente per sbarrare la strada al Fronte delle Le Pen, partito notoriamente patriottico, anti-unionista e filo russo, l’unico veramente dalla parte del popolo francese, classi subalterne e operai compresi.

L’atteggiamento del partito socialista francese e dei suoi esponenti è coerente con il loro ruolo di servi della troika e della Nato, abbastanza simile a quello del piddì in Italia, perché i collaborazionisti anti-nazionali dei poteri esterni se non sono fatti con lo stampino, almeno a grandi linee si assomigliano. Per seminare la paura nei francesi, interviene anche il primo ministro Manuel Valls, meno impopolare e disprezzato del presidente Hollande, che ai microfoni di France Inter paventa il rischio di una guerra civile in patria.

Alla vigilia del secondo turno delle regionali, il primo ministro francese ha risposto alle domande di Léa Salamé e Patrick Choen per la citata televisione [link al sito dell’emittente francese: http://www.franceinter.fr/emission-le-79-manuel-valls-combattre-daech-demain-sans-doute-en-libye] .

Oltre alla rituale necessità di combattere Daesh, ovunque dall’Iraq alla Siria e domani senza dubbio in Libia, secondo Valls che si sposta sul piano interno, in questo storico momento ci sono due visioni della Francia. Ovviamente quella buona non può essere la visione del Front National, che, anzi, predica la divisione e può portare addirittura alla guerra civile. Un politico in malafede evoca solitamente scenari di morte e distruzione, come ad esempio la guerra civile e il sangue che scorre per le strade, quando vuole spaventare il “parco buoi” elettorale e indurlo a darsi una mossa … votando nel senso da lui indicato, anche contro il proprio interesse.

Il programma del Fronte è un disastro, dice Valls. Invece l’azione del suo governo è stata positiva – si potrebbe controbattere – ha diminuito la disoccupazione – chômage per l’oltralpe che è oltre il dieci per cento, risolto il problema della sicurezza dei francesi? Nessuno ha ancora provato il programma di un FN al governo, ma la popolazione può giudicare, sulla propria pelle, l’azione del governo Valls e dei socialistoidi. Questo non ha importanza, perché il FN è squalificato a priori, essendo per definizione razzista e antisemita. Allora non resta che una soluzione, pena la guerra civile! Meglio che socialisti e sinistri votino in Provence-Alpes-Côte d’Azur per il candidato di Sarkozy e del “centro-destra”, Christian Estrosi, perché la priorità è fermare quel mostro frontista di Marion Maréchal-Le Pen. Non si tratta di noccioline, perché la regione del sud, con Marsiglia, ha circa cinque milioni di abitanti. Lo stesso Estrosi, in linea con il suo compare di fede euroserva Valls, ha definito la rivale in Provenza un danno immenso per la società, una che vuole trasformare la regione in laboratorio dell’”estrema destra” per il settarismo, l’istigazione alla violenza e la negazione dei diritti delle donne. Quando si tratta di fronteggiare una formazione non allineata e non controllata dalle élite della finanza, salta anche il politicamente corretto. Naturalmente le eurocrazie – e la Nato! – non possono che approvare sia le parole di Valls che quelle di Estrosi.

Ricordiamoci che il grottesco Bersani, “argine al populismo” in Italia con tutto il piddì, profetizzava nel 2013, sotto elezioni, un repentino impoverimento di massa, la catastrofe per i ceti popolari, le sette piaghe d’Egitto, la pestilenza, le cavallette, in caso di uscita del paese dall’eurozona. Il meccanismo è sempre quello, a ben vedere, comune a tutti i politici collaborazionisti, nel nostro specifico caso della troika. Un po’ come la madonna nelle sue apparizioni più celebri, da Fatima a Medjugorje, che minacciava con trista regolarità guerre e sciagure per il volgo dei credenti, mai una sola volta cose belle e futuri radiosi!

Valls ed Estrosi ci rivelano che la “diabolisation” (per noi demonizzazione) del Front National non avrà mai fine, anche se il Fronte non è più il partito di Le Pen padre e nonno, non è antisemita, non vuole rinchiudere le donne in casa (come fa l’islam più ortodosso, anche in Europa), non vuole ricoverare nelle cliniche psichiatriche i gay (Urss) o marchiarli con un triangolo rosa (il Winkel nazista), ma punta a liberare la Francia dalla trappola dell’euro e ad allontanarla dai pericoli di guerra insiti nella Nato e nelle alleanze occidentali (a guida americana). Questa prospettiva, di autentica liberazione, è ciò che fa infuriare i Valls e gli Estrosi, divisi solo fittiziamente da colori politici ormai sbiaditi, ma uniti nel servire il padrone sopranazionale. Uniti a tal punto che Valls esorta i sinistri a votare per Estrosi, per Xavier Bertrand (Nord-Pas de Calais contro Marine Le Pen), per Philippe Richert (Alsace-Champagne-Ardenne-Lorraine contro Florian Philippot vice-presidente del FN), segno che socialisti e centro-destra di Sarkozy, alla fine della fiera, sono la même chose: traditori della Francia e dei francesi, esattamente come il piddì e il nuovo centro destra, qui, da noi, sono traditori dell’Italia e degli italiani!

Guerra civile in Francia? La paventa Valls di Eugenio Orsoultima modifica: 2015-12-11T12:32:39+01:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Guerra civile in Francia? La paventa Valls di Eugenio Orso

  1. Pingback: Guerra civile in Francia? La paventa Valls | controinformazione.info

  2. Pingback: Guerra civile in Francia? La paventa Valls - Una Lira per l'Italia

  3. In Italia ci sono centinaia di migliaia di finti-profughi gestiti dalle coop e vaticano, altrettanti immigrati clandestini e gl’immigrati regolari, tutta questa massa di persone gode di privilegi negati agl’italiani, dalla casa gratis, o addirittura l’hotel, agevolazioni di ogni genere e soddisfazione di ogni capriccio-paranoia religiosa. Se un governo dovesse fare ciò che imporrebbe il buonsenso: rispedire a casa loro tutti questi non-profughi, reimpatriare i clandestini, eliminare i privilegi agli stranieri… potrebbe farlo senza scatenare la rivolta degli stranieri? …magari coordinati da chi gestisce a guadagna “più che col traffico di droga” il flusso di immigrati, ma anche dai centri sociali, che sono vere e proprie strutture organizzate, addestrate per la guerriglia urbana, con l’appoggio dei mass media e dell’attuale classe dirigente, sì, sarebbe una guerra civile, con gl’immigrati come braccio armato e tutto l’apparato politico mediatico, vaticano bergogliano compreso, a dar ragione agl’immigrati.
    In Francia, probabilmente la situazione è simile: l’apparato al potere conta sull’appoggio violento degl’immigrati non appena FN tenterà di togliere dei privilegi agl’immigrati o a risolvere delle situazioni allucinanti come a Calais, ecco allora il potere potrebbe organizzare qualcosa di molto simile ad una guerra civile.

    • Per Nico

      E’ possibile che accada quello che scrivi. A Calais, infatti, il FN raccoglie consensi per oltre il 40% e non è un caso. Io, però, sono uno di quelli che credono – come Bagnai, ad esempio, che lo dice anche in rete – che le motivazioni che spingono i francesi a sostenere il Fronte, contro gli euroservi filo-atlantisti (che potrebbero usare gli immigrati contro gli autoctoni), sono essenzialmente economiche, di reddito, lavoro. La disoccupazione, a mio avviso, incide più dell’immigrazione nel determinare il consenso alla Le Pen. Ciò non significa escludere l’impatto dei flussi migratori biblici, come gli attuali, sul voto delle masse, ma ragionevolmente metterli al secondo posto.

      Cari saluti

      Eugenio Orso

  4. La guerra civile ci sarà, inevitabilmente, prima o poi, anche se forse non nelle forme tradizionali. Ciò avverrà per la disintegrazione che è stata attuata del popolo francese, attraverso l’immissione massiccia di alieni-stranieri-schiavi del capitale, che ha occupato la patria di quel popolo, e che non sono francesi e non lo saranno mai, se non per territorialità. Ci vogliono secoli per formare un popolo, non basta un alegge o un certificato di cittadinanza. ma ci vogliono pochi anni per disintegrarlo, come stiamo vedendo, quando si producono molti traditori in casa, alleati di una massa di imbecilli la cui cultura e coscienza civile è stata intenzionalmente degradata. E si sappia bene, forte e chiaro, che questa guerra civile l’avranno causata loro e solo loro, che sono e saranno i responsabili di tutte le disgrazie che attendono l’Europa, che hanno portato a questa degenerazione. Non certo la Le Pen.

    • Per Marco Zorzi

      La Francia ha sopportato varie ondate migratorie, anche se non come quella in corso in Europa oggi. Dal dopoguerra ad oggi, per effetto dell’immigrazione, il paese è cambiato. C’è stata l’immigrazione di italiani e portoghesi, che però si sono integrati, sono arrivati asiatici dall’Indocina ex francese, sono tornati i Pieds Noirs dall’Algeria, che però era francesi separati. Il fatto è che gli islamici non sono integrabili, anche dopo due o tre generazioni, come ormai è chiaro. La guerra civile diventerà probabile se l’asse del male a guida Usa continuerà con il “caos controllato” …
      Ti faccio notare che la “desistenza” socialista e sinistra a favore del sornione Sarkozy e le dichiarazioni apocalittiche di Valls e altri per spaventare i francesi (gli idiotizzati, a quanto pare, non ci sono solo in Italia) potrebbero funzionare, perché l’afflusso ai seggi per il ballottaggio di oggi sembra piuttosto alto – se sono vere le notizie che leggo – e potrà essere di almeno sette punti percentuali superiore al primo di turno di domenica scorsa.

      Cari saluti

      Eugenio Orso

  5. Pingback: Guerra civile in Francia? La paventa Valls - Generale Russo Venaus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.