Eugenio Orso. Scritti politici e sociali 2010 – 2012 (ebook gratuito formato pdf)

Rendo disponibile gratuitamente una raccolta di miei scritti – articoli, saggi e commenti – dal 20 di agosto 2010 al 28 di agosto 2012.

L’ebook è in formato pdf e le pagine di testo, esclusa copertina e indice, sono 495, mentre la dimensione del file è di 3.621 KB.

Gli interessati, cliccando sul pdf, potranno leggero e scaricarlo.

 

Eugenio Orso, Scritti politici e sociali 2010 – 2012_ebook.pdf

 

Di seguito presento la copertina dell’ebook e la breve premessa, ma prima, devo comunicare qualcosa di (relativamente) importante.

 

COMUNICAZIONE: colgo l’occasione per informare che da ora e per tutto il mese di settembre questo blog languirà, causa ospedalizzazione del sottoscritto per intervento chirurgico. Se sopravvivrò, a partire dalla fine di settembre o dagli inizi di ottobre riprenderò a scrivere e pubblicare post, articoli e saggi, riattivando Pauper class … altrimenti, ci sarà un blogger in meno (poco male?). Quindi potrete considerare il presente ebook come un mio “testamento”. Sto scherzando? Chi lo sa …

 

Statemi bene (almeno voi …)

 

Eugenio Orso 

RACCOLTA_copertina 2.jpg 

Breve premessa

 

La presente raccolta di scritti politici e sociali parte dalla fine del 2010 per arrivare fino ad oggi. L’arco temporale copre circa due anni, ed il saggio più datato è del 20 di agosto del 2010. Nella raccolta compaiono articoli, saggi e alcuni commenti da me giudicati significativi. E’ tutto ciò che di importante ho scritto in relazione agli effetti della crisi strutturale neocapitalistica in Italia e, in subordine, in Europa. Articoli e saggi sono stati pubblicati sul mio blog personale, Pauper class (link: http://pauperclass.myblog.it/) e in molti casi sono stati recepiti da altri, in rete (ComeDonChisciotte, Comunismo e Comunità, Arianna Editrice, eccetera), mentre i pochi commenti presentati, da me ritenuti particolarmente significativi, sono comparsi su altri blog. Alcuni di questi scritti sono stati pubblicati su carta, ma la maggioranza esiste soltanto in formato elettronico. Consiglio agli (eventuali) lettori di prestare attenzione soprattutto ai saggi e, per quanto riguarda la sottomissione piena dell’Italia ai poteri esterni, al periodo che va dall’autunno del 2011 agli inizi di agosto del 2012. L’accelerazione del processo di riplebeizzazione della popolazione italiana, di ridimensionamento e parziale distruzione della struttura produttiva nazionale e di azzeramento della sovranità dello stato, iniziata con l’avvento del direttorio Monti-Napolitano, può essere considerato il tema centrale di questa raccolta, assieme alle analisi – contenute nei saggi ed anche in numerosi articoli – del modo di produzione neocapitalistico, dei suoi elementi strutturali e delle sue esigenze riproduttive. Come suggerisce lo splendido quadro di Vedova in copertina – Città ostaggio, del 1954 – siamo tutti ostaggi nelle mani delle Aristocrazie finanziarie globali, agenti strategici di un Nuovo Capitalismo che ha bandito l’Etica, la socialità e la stessa umanità. Questa raccolta, in breve, può essere letta dagli interessati come una cronistoria, corredata di analisi, della crisi economica, sociale e politica, la cui onda d’urto ha investito l’Italia in questi ultimi due anni, e che è ben lungi dall’essersi conclusa. Negli scritti presentati ci sono alcuni aspetti predittivi che lo sviluppo storico, ad oggi, sembra confermare in buona misura. In ultimo, l’ordine di presentazione degli articoli, dei saggi e dei commenti da me raccolti è cronologico, perché si parte dallo scritto più datato per chiudere con il più recente, che è del 28 di agosto del 2012.

 

Buona lettura

 

Eugenio Orso

Trieste, 2 settembre 2012

Eugenio Orso. Scritti politici e sociali 2010 – 2012 (ebook gratuito formato pdf)ultima modifica: 2012-09-03T11:54:00+02:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

17 pensieri su “Eugenio Orso. Scritti politici e sociali 2010 – 2012 (ebook gratuito formato pdf)

  1. Mi mancherai…
    Mi spiace sapere che hai qualche acciacco. Spero non sia così grave. Credo di avere la tua età (sono del 57), per cui ti sono vicino e ti auguro tutta la fortuna possibile.
    A presto dunque e… almeno per la tua salute, l’ottimismo è cosa molto utile…
    Buon tutto e a risentirci presto. (scarico senz’altro il tuo pdf).

  2. Grazie per l’incoraggiamento. Il pdf è soltanto un “riassunto” di quanto pubblicato nel blog nell’ultimo biennio (non proprio tutto, ma certo le cose più significative). Nel caso l’operazione dovesse andare male, molto male, almeno resterà quello …

    Eugenio Orso

  3. Ringrazio anche Danko, mentre mi sto già preparando (psicologicamente e materialmente) per entrare nella condizione post-operatoria dell’invalido … almeno per qualche tempo.

    Saluti

    Eugenio Orso

  4. Salve Eugenio,

    Le faccio tanti auguri di pronta guarigione, la sua mancanza si sentirebbe terribilmente dato che di intellettuali onesti e sinceri ve ne è una penuria spaventosa!

    In bocca al lupo
    Barbara

  5. Grazie degli auguri, Barbara
    Vi è soprattutto una penuria spaventosa di grandi pensatori antagonisti, fuori dai perimetri ideologici delimitati scrupolosamente da questo capitalismo (politicamente corretto, neolingua, democrazia liberale, intangibilità del mercato e della “libera iniziativa privata”, eccetera).
    E’ stata proprio questa spaventosa carenza che mi ha spinto “a fare le veci”, cioè a supplire e ad intervenire, per quanto possibile e in dipendenza dei miei modesti mezzi, nel dibattito teorico, sapendo già a priori, però, che non sarei riuscito a coprire il vuoto, se non in piccola parte.
    Altrimenti, avrei probabilmente assunto un ruolo diverso.
    Alla penuria di grandi pensatori (e filosofi) anticapitalisti – con l’eccezione di alcuni capisaldi dell’anticapitalismo, isolati e silenziati, come Costanzo Preve – fa riscontro una passività di massa (pensiamo all’Italia) che non ha precedenti nelle epoche passate (pensiamo agli anni sessanta e settanta del novecento, al movimentismo, all’extraparlamentarismo e alla lotta armata).
    La passività di massa, l’inerzia politica e sociale della popolazione, è certamente il risultato dell’azione degli strumenti di dominazione neocapitalistici, ma in parte anche della ricordata penuria di grandi pensatori antisistemici, e di vere alternative culturali e politiche.

    Saluti

    Eugenio Orso

  6. Salve Eugenio, auguri di una completa e rapida guarigione.
    Perdona il mio cinismo ma devo confessarti che sono più
    contento di risentirti che dispiaciuto per la tua anca.
    totò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.