Scilipoti è vivo e lotta insieme a noi! di Eugenio Orso

Guy Debord pensò bene di stupirci, negli anni sessanta, con la sua “Società dello spettacolo”, ma di questi tempi, con il senno di poi, possiamo affermare che non ci è riuscito.

La riduzione capitalistica di tutto e persino della politica a mero spettacolo, ben oltre la Merce Creativa ed altre amenità, ha ampiamente superato la visione di Debord.

Perché affermo questo?

Per il seguente motivo, che è la classica goccia che fa traboccare il vaso:

 

Scilipoti in Aula con lutto al braccio

Volantino ai colleghi durante dibattito fiducia alla Camera

18 novembre, 11:51

 

   

 

(ANSA) – ROMA, 18 NOV – Una vistosa fascia nera sul braccio.

 

Così Domenico Scilipoti, esponente di Popolo e territorio si presenta in Transatlantico alla Camera nel giorno in cui Mario Monti riceverà la fiducia dei deputati. Scilipoti non risponde a chi gli chiede il perchè della fascia ma consegna un volantino che riproduce un manifesto mortuario in e’ rappresentata una croce nera con sotto scritto ”oggi e’ morta la democrazia parlamentare. Il popolo Sovrano né dà il triste annuncio al Paese”.

 

© Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati

 

La primula azzurra (o di qualsiasi altro colore, fate voi che per lui è lo stesso, purché lo paghino), il responsabile per antonomasia, l’uomo che si permise di sostenere un intero governo con annessi e connessi, l’ultimo di Berlusconi tutto sulle sue spalle, è oggi il nostro Masaniello, lo strenuo ed impagabile difensore della volontà popolare (che si estrinseca con il voto liberaldemocratico, non di rado “di scambio”) nel parlamento di un paese interamente occupato dai Poteri Forti, dai bocconiani e dagli squali delle banche.

Ma ci pensate dove siamo arrivati?

Scilipoti ultimo baluardo di democrazia e legalità!

Scilipoti che guida eroicamente la resistenza popolare – “Popolo e territorio” è il grido di battaglia, contro il governo collaborazionista del Quisling Monti!

Ma pensate che culo che abbiamo avuto: Scilipoti è vivo e lotta insieme a noi!

Non solo, ma sembrerebbe l’unico a farlo, con boutade in parlamento che eguagliano, e forse superano, le magliette di Calderoli (prima che il leghista “metta la testa a posto”), mentre Berlusconi pieno di paura, perché se non riga dritto gli polverizzano Mediaset in borsa, ha messo la golden share sul governo Monti, e la Lega rifluisce in relativo silenzio, come un’armata Brancaleone sconfitta, a nord del mitico Muro di Ancona ipotizzato dal comico Maurizio Ferrini, nell’indimenticabile programma televisivo Quelli della notte.

Parole forti, quelle di Domenico Scilipoti, da capo-popolo che arringa le masse degli oppressi per indurle a rivoltarsi contro l’oppressore: “Con la nomina di Mario Monti a senatore a vita, poi indicato come probabile primo ministro dotato di poteri extra-ordinem, si e’ giunti al primo governo totalmente del presidente dell’Italia repubblicana con una innovazione al limite dello stravolgimento dell’assetto degli organi costituzionali dei padri costituenti. Alla faccia della centralità’ del parlamento!”

E ancora, come nell’annuncio mortuario esposto dal nostro alla camera: “Oggi è morta la democrazia parlamentare.” (che comunque era in coma da parecchio tempo, si è tentati di aggiungere …)

Almeno lui – s’intende il combattivo e solitario Domenico Scilipoti, è stato eletto nel 2008 dal popolo (… bue, è il caso di dirlo alla Sordi), sia pur nelle liste della IdV dipietrista che poi ha abbandonato, e sia pur con una legge elettorale che lascia alquanto a desiderare …

Donchisciottesco come nessun altro in un parlamento frustrato e ammutolito, Scilipoti non esita a scagliarsi, lancia in resta, contro i mulini a vento della Grande Finanza che ormai regna incontrastata.

Qualche piccola condanna a saldare debiti non evasi (per circa duecentomila euro), subita di recente,  non gli ha fatto perdere il suo smalto.

Ha sempre un’ottima cera, e la solita faccia tosta.

A vederlo, così com’è d’aspetto, quasi un ibrido fra i grandi attori comici Danny De Vito ed Enzo Cannavale, ci ha sempre ed inspiegabilmente ispirato simpatia.

Ma a pensare che è proprio lui l’ultima trincea, il baluardo della volontà popolare e della democrazia in parlamento, davanti alla travolgente avanzata dei Mercati e degli Investitori che sta rullando l’Italia e che ha evocato l’esecutivo Monti, ci viene quasi da piangere … a dirotto.

E’ come affidare la difesa della dignità umana a Giandomenico Fracchia o a Fantozzi rag. Ugo, oppure come dare il posto di custode del Topkapi ad Arsenio Lupin.

Ha scritto il grande poeta Giovanni Giudici: “Comico suo malgrado è il colmo del comico. Spesso patetico fu il comico con intenzione. Tragico suo malgrado è il solo possibile esito imprevedibile della commedia. Non cerco la tragedia ma ne subisco la vocazione.”

E’ esattamente così, ed anche peggio, e non a caso abbiamo Scilipoti, in queste drammatiche circostanze storiche, che è vivo e lotta insieme a noi!

Scilipoti è vivo e lotta insieme a noi! di Eugenio Orsoultima modifica: 2011-11-18T15:50:00+01:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Scilipoti è vivo e lotta insieme a noi! di Eugenio Orso

  1. Per Cristiana

    Sono lieto del gradimento, ma preciso che il fatto che Scilipoti sia l’unico(!) a “rivoltarsi” in modo abbastanza diretto contro l’esecutivo Monti ci mostra l’estrema gravità della situazione italiana, in primo luogo per quanto riguarda la “qualità umana” nella penisola.
    Flessibilizzazione e idotizzazione di massa, il berlusconismo nostrano, altre forme di stupidità sociale come quella dell'”idiota acculturato di sinistra”, hanno funzionato a dovere in Italia, impedendo che nasca qualsivoglia vera (e sottilineo vera) opposizione al sistema.
    La passività della popolazione italiana è impressionante, ma è giustificata dall’opera di manipolazione antropologica e culturale che da decenni (quasi tre, oramai) agisce in profondità senza incontrare ostacoli.

    Saluti

    Eugenio Orso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.