La CGIL CHE VOGLIAMO di Trieste organizza una pubblica assemblea in città il 14 marzo 2011, con Giorgio Cremaschi

In allegato e in formato pdf il volantino della CGIL CHE VOGLIAMO di Trieste

UN HABITAT PERFETTO.pdf

Di seguito il testo del volantino. Ci sarà un’Assemblea pubblica lunedì 14 marxo 2011, alle ore 17.30, nella sala CRAL della Stazione Marittima di Trieste, alla quale parteciperà il Presidente del Comitato Centrale della Fiom Giorgio Cremaschi.

 

 

 

 

 

UN HABITAT “PERFETTO” PER LO SFRUTTAMENTO E

L’ESTINZIONE DI CHI LAVORA

 

LA FINE DEL MONDO PRIMA DEL 2012

 

Gli imprenditori, anche quelli di aziende in attivo, se ne stanno andando tutti

all’estero.

Lo Stato contribuisce a creare direttamente disoccupazione, bloccando le

assunzioni nelle scuole e in tutti gli enti pubblici e lasciando a casa centinaia di migliaia di

precari.

Le esternalizzazioni e privatizzazioni dei servizi creano povertà e sfruttamento per i

lavoratori degli appalti.

Vengono ridotte le competenze e i finanziamenti di chi lavora ai controlli ,

Ispettori e Giudici del Lavoro, lavoratori che controllano l’evasione fiscale e contributiva,

colpite Agenzie delle Entrate e Inps.

La scarsità di controlli e le leggi salva-furbi (come il condono fiscale per chi portava

capitali all’estero) fanno dormire sonni tranquilli agli sfruttatori.

L’assenza di occasioni di lavoro fa si che un giovane o un disoccupato accetti

qualsiasi condizione pur di lavorare.

Le leggi razziali di questo paese fanno si che un lavoratore straniero, quando perde il

lavoro può perdere anche il permesso di soggiorno e quindi “macchiarsi del reato di

clandestinità”, con la conseguenza questi lavoratori vivono perennemente sotto ricatto e

possono essere sfruttati al massimo.

Le donne che lavorano in questo habitat sanno che molto spesso, se restano incinte,

perdono il posto di lavoro.

In questo habitat troppi perdono la salute e la vita sul posto di lavoro.

Esistevano due tipi di posti di lavoro dove i diritti faticosamente conquistati nel secolo scorso erano

quasi sempre rispettati (malattia, maternità, ferie, riposi, turnazione regolare, diritto di assemblea e

sciopero ecc…): la grande industria e gli enti pubblici.

Ma entrambe queste realtà stanno subendo un forte attacco. Nel pubblico impiego si blocca la

contrattazione, il contratto nazionale di lavoro viene vanificato da leggi e decreti, il ruolo del sindacato

viene ridotto quasi a zero.

Alcuni sindacati storici si sono ambientati molto bene in questo habitat, e sono disposti a svendere i

diritti dei lavoratori pur di sopravvivere nella nuova giungla.

 

In Italia si sta creando scientificamente un habitat perfetto

per lo sfruttamento dei lavoratori e la loro estinzione.

 

E’ in questo habitat che ha potuto nascere, svilupparsi e crescere – con la potenza di un baobab

il ricatto di Marchionne nei confronti dei lavoratori della Fiat di Pomigliano e Mirafiori, costretti a

scegliere tra disoccupazione o sfruttamento e perdita di alcuni diritti costituzionali.

 

ASSEMBLEA PUBBLICA LUNEDI’ 14 MARZO ALLE ORE 17.30

SALA DEL CRAL (palazzo Stazione Marittima, entrata laterale)

Interverrà

 

GIORGIO CREMASCHI della FIOM nazionale

 

FERMIAMO LA ROULETTE RUSSA

DELLO SMANTELLAMENTO

DEI DIRITTI ! ! ! ! !

 

Coordinamento provinciale di Trieste

Da wikipedia: L’habitat è il luogo le cui caratteristiche, possono permettere

ad una data specie di vivere e svilupparsi. È essenzialmente

l’ambiente che può circondare una popolazione di una specie. La

distruzione dell’habitat è un fattore rilevante che fa diminuire una

popolazione di una specie, e che può metterla in pericolo o portarla

all’estinzione, ma allo stesso tempo potrebbe favorirne delle altre

nuove o alcune già presenti.

La CGIL CHE VOGLIAMO di Trieste organizza una pubblica assemblea in città il 14 marzo 2011, con Giorgio Cremaschiultima modifica: 2011-02-21T13:53:00+01:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.