Per il federalismo leghista disposti anche al golpe

berlusconi metterebbe a ferro e fuoco il paese, e ci farebbe uccidere tutti, pur di restare in carica. Ormai questo è chiaro. Anzi, è chiaro da molto tempo. berlusconi sarebbe disposto a mentire ad ogni parola che dice pubblicamente, a subornare, a concutere e corrompere ad ogni passo, addirittura ad occuparsi della situazione economica del paese – della quale non gliene è mai importato nulla – e ad allearsi con chiunque pur di sfuggire alla giustizia e alla sacrosanta punizione che gli spetta [vedi la “proposta indecente” fatta al lib-lab-dem bersani]. Fra tutte le possibili maschere del potere, quella indossata da berlusconi è la più grottesca e la più miserabile. Ma il suo maggiore e più solido puntello non è certo lo squallido gruppo mercenario di parlamentari comprati, che si spaccia per “gruppo di responsabilità” nei confronti del paese, come molti potrebbero credere. Chi lo mantiene al potere è nella realtà la peggiore, la più ripugnante e criminale masnada politico-delinquenziale, composta essenzialmente di evasori fiscali, sfruttatori-schiavisti, parassiti redditieri piccolo-capitalistici e razzisti semianalfabeti [in ciò la vera essenza del cosiddetto popolo padano] che contribuisce allo sfacelo di questo sfortunato paese, e questa palude ribollente, questo stige alimentato dal degrado politico, economico e culturale non è altri che la lega bossiana. Senza l’appoggio delle bande leghiste e di boccastorta il sultano-piazzista di Arcore sarebbe ormai strafottuto, anzi, sarebbe stato costretto ad andarsene già da qualche tempo. Questa è la verità, nuda e cruda, senza fronzoli, inutili mediazioni ed eleganti parafrasi. Il prezzo che berlusconi deve assolutamente pagare, per prolungare il più possibile questa situazione, è appunto l’approvazione e l’attivazione del sedicente federalismo, anche se si rivelerà una trappola mortale per l’Italia così come lo vogliono i gerarchi della lega, comodamente piazzati nella Capitale e nei ministeri. Non ci deve stupire, quindi, se i gruppi criminali berluscones-leghisti faranno qualsiasi cosa pur di assicurare il mortale federalismo leghista – mortale per la maggioranza della popolazione italiana, che sarà fiscalmente salassata a livello locale, non certo per loro, per gli evasori fiscali da loro rappresentati o per i proprietari di molti immobili che si arricchiscono parassitariamente con gli affitti – e potranno anche arrivare al golpe per “portare a casa” definitivamente il federalismo. Continuare a regnare il più a lungo possibile, sia pure sulle macerie istituzionali di quello che fu lo stato italiano e su di una società “appiattita”, impoverita e idiotizzata è oggi l’unico imperativo categorico di berlusconi e della gang che lo circonda. Nel caso di [improbabili] rivolte di piazza e di estese contestazioni, simili a quelle tunisine ed egiziane, non è escluso che arrivino a fare come ha fatto Mubarak, o chi per lui, liberando ed arruolando i criminali incarcerati e dando libero sfogo a bande armate di mercenari-tagliagole-“sostenitori”.

Prepariamoci, poiché l’immonda teppaglia leghista – dal Veneto a Varese, da Gemonio a Ponte di Legno – sta già ringhiando e minacciando di “imbracciare i fucili”.

 

 

Federalismo, Bossi: via libera definitivo al decreto sui comuni 

Ieri – 21.15

Il decreto sul federalismo municipale ha ottenuto il via libera definitivo. Lo ha annunciato in serata il leader della Lega Nord Umberto Bossi, a margine del Consiglio dei ministri.

 

 

“Il decreto sul federalismo dei comuni è stato approvato definitivamente”, ha dichiarato Bossi, come si legge in un comunicato.”Finalmente i comuni avranno le risorse senza andarle a chiedere col cappello in mano. I soldi resteranno sul territorio dove sono stati prodotti”.

“La Lega mantiene le promesse e porta a casa un risultato concreto nell’interesse dei cittadini”, ha aggiunto il ministro per le Riforme.

La riunione straordinaria del Cdm è stata convocata dopo la bocciatura odierna sul federalismo da parte della commissione bicamerale.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

Per il federalismo leghista disposti anche al golpeultima modifica: 2011-02-04T10:28:00+01:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Per il federalismo leghista disposti anche al golpe

  1. Propongo di arruolare nelle future forze rivoluzionarie immigrati africani e balcanici, e poi, dopo averli armati, lasciarli “operare” nei paesotti doven si nascondono le tribù leghiste.

    Redghost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.