Presentazione presso la LIBRERIA COMUNARDI di Torino di Nuovi signori e nuovi sudditi, di Costanzo Preve e mio

 

 

In allegato e in formato pdf il manifesto della presentazione del libro, di Costanzo e mio, Nuovi signori e nuovi sudditi. Ipotesi sulla struttura di classe del capitalismo contemporaneo, il giorno 26 novembre, alle ore 21.00, presso la Libreria Comunardi di Torino, in via Bogino al numero 2.

Manifesto conferenza 26-11-2010_Manifesto conferenza 26 novembre.pdf

Presentazione presso la LIBRERIA COMUNARDI di Torino di Nuovi signori e nuovi sudditi, di Costanzo Preve e mioultima modifica: 2010-11-16T12:40:27+01:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Presentazione presso la LIBRERIA COMUNARDI di Torino di Nuovi signori e nuovi sudditi, di Costanzo Preve e mio

  1. Serata molto interessante, il libro lo leggerò quanto prima.
    L’unica “nota dolente” è stata che per personali impegni di lavoro siamo dovuti andare via prima, mi avrebbe fatto piacere conoscerti fisicamente.
    Sarà per la prossima volta.
    (…comunque eravamo seduti in prima fila all’estrema sinistra…)

  2. Per Lurtz

    Nessun problema.
    La cosa più interessante è stata l’esposizione di Preve, che ha cercato di spiegare pur nei tempi ristretti della presentazione i lineamenti essenziali del pensiero previano, al quale anche io faccio riferimento.
    Come si è compreso, io non sono un accademico, non sono aduso alle conferenze ed alle presentazioni, sono inoltre un “discontinuista” – rispetto al paradigma marxista tradizionale – ma credo che quando ci muove sul terreno economico-sociologico è necessario avere pur sempre una solida base teorico-filosofica, per non fondare le proprie ricerche e le proprie osservazioni sul nulla.
    Questa base indispensabile di pensiero, ad un livello più alto di quello descrittivo sociologico ed economico, ce la può offrire oggi, in Italia, soltanto il pensiero previano, in quanto rappresenta l’unico sistema di pensiero veramente alternativo a quello dominante.

    Saluti

    Eugenio Orso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.