Perché gli immigrati islamici tacciono su terrorismo e jihad? di Eugenio Orso

Chi non vuole pronunciarsi, evita di dare risposte a una domanda precisa che implica una scelta di campo, svia il discorso, finge di non parlare la lingua del paese in cui si trova (magari da molti anni!), pur di non rispondere a una domanda imbarazzante, e lo fa, in linea di massima, per uno dei seguenti motivi: 1) E’ dalla … Continua a leggere

Ma chi è il Marcuse dei nuovi tempi? [Alceste]

Una volta la rivoluzione aveva un senso. Gli operai, gli studenti, i salariati erano rivoluzionari. E il padronato reazionario. Con tutti suoi lacchè: preti, militari, piccoli burocrati. A ripensare a quei tempi (che ho vissuto di sfuggita, come calore di fiamma lontana) mi si stringe il cuore. Ah, le belle barricate! Una volta la rivoluzione aveva un senso! Il padrone … Continua a leggere

Breviario del cretino ovvero: perché non ci si ribella? [Alceste]

Stiamo diventando un popolo di cretini? Ne ho il sospetto. Solo una popolazione europea di cretini può accettare lo stato attuale delle cose senza provare la voglia di menar le mani. E cosa è accaduto di così profondo tanto da rimbambirci in tal modo? Una immane mutazione antropologica, una frattura continentale, uno iato spaventoso; si è insinuato nel sangue un … Continua a leggere

Il terrorismo jihadista in Europa vincerà di Eugenio Orso

Per rallentare la caduta dello stato islamico, gli americani hanno inventato un’altra sottile diavoleria: colpire selettivamente, cioè uccidere singoli figuri ai vertici dell’organizzazione stragista, per evitare di colpire con decisione le falangi di tagliagole, i loro siti, i loro depositi di armi. Se si uccide un capo jihadista con qualche guardia del corpo, questo potrà essere sostituito, in tempi brevi, … Continua a leggere

Ode alla liberazione di Palmira [Alceste]

Jorge Louis Borges, nel racconto Annotazione al 23 agosto 1944, scrive del suo “grado fisico di felicità” all’annuncio della liberazione di Parigi. Più modestamente, oggi, a distanza di più di settant’anni, voglio farvi partecipi del mio grado fisico di felicità all’annunciata liberazione della città di Palmira da parte delle forze regolari siriane appoggiate dall’aviazione e dall’intelligence russa. Una liberazione fisica … Continua a leggere

Finanza, mercato e islam, fra strategia della tensione e geopolitica del caos di Eugenio Orso

Se dovessimo credere alle fiabe, come dei bravi bimbetti condizionati, diremo che l’orco è l’islam, mentre l’eroe, il buono, è l’occidente neocapitalista del libero mercato e dei diritti umani, in grado di affrontare e sconfiggere l’orco cattivo. In verità, non essendo bimbi creduloni, sappiamo bene davanti a noi ci sono ben due orchi cattivi che procedono appaiati. Il primo, l’islam, … Continua a leggere

Un altro passo verso gli Stati Uniti d’Europa [Alceste]

Di fronte agli attentati di Bruxelles mi assale un sentimento abissale di stanchezza e sconforto. L’ondata che seguirà alle stragi sommergerà, definitiva, le nostre vite. Non abbiamo scampo, evidentemente. La retorica del regime ha già sentenziato: “più Europa”. E così sarà. Le quadrate legioni del “più Europa” già fanno echeggiare il passo dell’oca del “più Europa” su ogni media e … Continua a leggere

La dittatura delle minoranze [Alceste]

Il potere (uso ancora tale inadeguata parola per pura convenienza letteraria) aveva un bel problema con l’Occidente. Come disinnescare un’etica e una morale millenari? Come fiaccare il senso del sacro? E codici di comportamento che vantavano le sembianze dell’eternità? La risposta fu la stessa di sempre. Esaltare la debolezza, la minorità, la perversione; i lati repressi e laidi d’ogni essere … Continua a leggere

La sceneggiata di Roma [Alceste]

Berlusconi vuole perdere le elezioni di Roma? Da uomo intelligente, e fedele ai patti, ce la sta mettendo tutta. Il problema è uno solo: il PD deve assolutamente arrivare al ballottaggio. Un centrodestra unito arriverebbe, invece, al ballottaggio col M5S, ridimensionando, in modo clamoroso, numeri e influenze dei democratici: questo avrebbe ripercussioni tali da far saltare patti nazionali. E perciò … Continua a leggere

Berlusconi, Bertolaso, l’Urbe e il Caos di Eugenio Orso

O ci è o ci fa, si potrebbe pensare del quasi ottuagenario Berlusconi che fa di tutto per perdere le comunali a Roma, affondando il cosiddetto centro-destra. Se uno vuole perdere a tutti i costi, trascinando nella sconfitta anche quelli che dovrebbero essere i suoi alleati, o lo fa perché è “scaturito”, oppure perché sotto c’è dell’altro. Ciò vale anche … Continua a leggere