La prima casa è impignorabile, la seconda e la terza espropriabile per pubblica utilità in favore degli immigrati. (parola dei PDDINAMITARDI) [Il Poliscriba]

Siamo alla svolta stalinista. 

Appurato che la questione quote immigrati da sobbarcarsi tra stati europei è un fallimento totale, perché 12 paesi su 28 se ne fottono e il resto accetta solo veri profughi e non presunti tali – sfruttabili dalle coop rosse che ci prosciugano le tasche con le porcate del Mare Loro a scapito dei tritoni che si bevono ogni cazzata somministrata come il lavoro temporaneo e sottopagato all’EXPO – non resta che una soluzione straordinaria da trasformare in ordinaria e poi in Legge coercitiva contro la Proprietà Privata immobiliare dei risparmiatori italici. 

Quelli dell’Istat la sanno lunga sui numeri che ci riguardano, in particolare sanno quanto mediamente campiamo e quanta eredità trasferiremo o riceveremo nel corso della nostra misera esistenza di sostenitori a tempo indeterminato del debito pubblico, quindi dei privilegi di casta, mafie e parrocchie di questa dittatura parlamentare connivente con l’esercito della bestia europoide. 

Dopo le recenti svendite a garanzia dell’acquisto massiccio di Titoli di Stato italiano spazzatura a lunga scadenza da parte degl’iperinflazionati giapponesi che stampano yen come se niente fosse (regalino Breda-Ansaldo), ora tocca ai 5 milioni di immobili sfitti censiti dal catasto. 

Problema di non poco conto, perché dopo anni di recuperi fiscali per la ristrutturazione Prima Casa oscillanti tra il 36 e il 65% delle spese sostenute da un minimo di 48.000 a un massimo di 96.000 euro, che lo stato ha “garantito” per risollevare le sorti dell’edilizia  quasi azzerata da un mercato immobiliare pressoché DEFUNTO, siamo oltre il fondo del barile. 

Che fare? Si chiedono i soloni de ri mortacci loro e delle nostre tasche. 

Il mattone non rende, anzi, con il continuo svalutarsi e il parallelo aumento di tassazioni inique, TASI TARI cazzi amari, l’italidiota vorrebbe svenderlo piuttosto che tenerselo sul groppone.
Ma niente, la gggente non c’ha soldi, le visite non ci sono e le agenzie immobiliari chiudono i battenti.
Centri storici svuotati, periferie cadenti e marcescenti, ruderi di campagna al quale meglio togliere il tetto come per i capannoni commerciali per non pagare l’IMU e non vederseli okkupati dai poveri Rom/Sinti in via di integrazione. 

Renzi che biascica in perfetto inglese nell’aula parlamentare di Bruxelles semivuota (sproloquia con se stesso) che la base è solida e adesso si può serenamente guardare ai prossimi 20 anni di ripresa del miracolo italiano tutto Farinetti, Cracco e gran fumo magico in cucina con arrosto praticamente carbonizzato. 

Andiamo al sodo: 

Girano voci che i pensionati al minimo, vedove o vedovi con reversibilità decurtata del 60%, tutti inesorabilmente con le pezze al culo, con a disposizione qualche metro quadro libero nelle loro case, potranno ospitare immigrati in via di regolarizzazione per “1/6 mesi” ricevendo un contributo di 35 euro cadauno al giorno, offrendo vitto e alloggio. (pastina in brodo e letti a castello?)
Noi di pauperclass, che siamo scaltri, sappiamo che qualcuno ci vuole lucrare  e lasciamo a voi lettori indovinare di chi si tratta. 

Farò una lieve digressione tecnicista. 

L’impignorabilità della PRIMA CASA  è una legge straordinaria che seda un conflitto tra privati, Banche e cittadini, serve per imbonire la gggente e regalare Titoli di Stato Spazzatura di cui sopra ai Cda di MPS, CreditiCooperativi e sodali. 

Non è un sentito dono ai contribuenti, ma un cappio al collo, così che continuino a pagare dazi, in quanto le Banche, molto più scaltre di noi di pauperclass, fanno in fretta a evadere e se rientrano in possesso dei beni immobiliari grazie alle ipoteche, per lo Stato son cazzi acidi, non certo per i finanziatori del PIDDI’, Diego Serra et similia, che pasteggiano sui fallimenti delle Piccole Medie Imprese che debbono ancora essere ripagate di IVA per oltre 100mld di euro e si vedono cautelativamente sottratti dei mezzi per poter lavorare. 

Esco dal tecnicismo che fa sempre noia, nausea e ribrezzo e vi dico, candidamente come il Candido volteriano che, se non vi affrettate ad occupare con i vostri famigli ogni buchetto di mattoni che non riuscite ad affittare o a vendere, il governo dei più buoni ve lo ESPROPRIERA’ e senza la vasellina dei 35 euro che, ad onor del vero, sembra sarà cifra ripartita in 25 euro alle coop e 10 euro cadauno al proprietario dell’immobile. 

Ergo, con un bel golpe legislativo che stralcerà definitivamente il libro della Proprietà Privata dai Codici Civili, si risolverà il blocco delle compravendite immobiliari, s’innalzeranno le pensioni minime, e noi intendiamo minime anche quelle da 1500 euro, si offrirà compagnia domestica ai vecchi dementi che pesano sulle casse previdenziali, cosicché se ne andranno all’altro mondo più in fretta, causa convivenza forzata con persone che li ameranno da subito e saranno riconoscenti dell’ospitalità più dei loro cagnetti. 

Chiaro che negli appartamenti del Pincio, in Via Montenapoleone, nei cottage a Cortina, etc, la suddivisione socialista dei metriquadri non avverrà, perché il motto che ti falcia e martella sui coglioni è ancora valido: 

QUELLO CHE È TUO, È MIO.

La prima casa è impignorabile, la seconda e la terza espropriabile per pubblica utilità in favore degli immigrati. (parola dei PDDINAMITARDI) [Il Poliscriba]ultima modifica: 2015-05-21T15:29:42+00:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

23 pensieri su “La prima casa è impignorabile, la seconda e la terza espropriabile per pubblica utilità in favore degli immigrati. (parola dei PDDINAMITARDI) [Il Poliscriba]

  1. La casa, e la macchina, e infine la pensione … le brame del bel tempo che fu son ora i bancomat degli usurai.
    Quando un tizio trovava un lavoro stabile cosa si comprava per prima? La macchina! E poi via col mutuo della casetta, e poi via a correre sino alla pensioncina …
    Sic transit …

  2. Pingback: LA PRIMA CASA E' IMPIGNORABILE, LA SECONDA E LA TERZA ESPROPRIABILE PER PUBBLICA UTILITA' IN FAVORE DEGLI IMMIGRATI. (PAROLA DEI PDDINAMITARDI) | NUTesla | The Informant

  3. Pingback: LA PRIMA CASA E’ IMPIGNORABILE, LA SECONDA E LA TERZA ESPROPRIABILE PER PUBBLICA UTILITA’ IN FAVORE DEGLI IMMIGRATI. (PAROLA DEI PDDINAMITARDI) | Informare per Resistere

  4. Pingback: LA PRIMA CASA E’ IMPIGNORABILE, LA SECONDA E LA TERZA ESPROPRIABILE PER PUBBLICA UTILITA’ IN FAVORE DEGLI IMMIGRATI. (PAROLA DEI PDDINAMITARDI) - AllNews24

  5. Pingback: Anonimo

  6. Pingback: LA PRIMA CASA E’ IMPIGNORABILE, LA SECONDA E LA TERZA ESPROPRIABILE PER PUBBLICA UTILITA’ IN FAVORE DEGLI IMMIGRATI. (PAROLA DEI PDDINAMITARDI) | News-Info. Alternativa

  7. I risparmi in banca da decurtare secondo una soluzione alla Cipriota, non sono più un tabù. Le pensioni verranno ritoccate secondo il metodo “contributivo” dal duo Cottarelli/Boeri anche retroattivamente, perché bisogna far “largo ai ggggiovani”, le case vengono confiscate per gli immigrati….beh, credo che sia venuto il tempo di oliare i fucili.

    • Per Nessie

      L’Italia aveva una delle maggiori propensioni al risparmio del mondo (a livello popolare, grazie alla parsimonia dei nonni …) e questi risparmi, non ancora azzerati dalla crisi, fanno gola al grande capitale finanziario.
      L’economista “renziano” Tito Boeri al vertice dell’Inps (si fa prima a dire: faccia di merda!) potrà fare la proposta che tiene in caldo del (già famigerato) “contributo di solidarietà” per fasce di reddito da imporre ai pensionati – altro che ripristino dell’adeguamento delle pensioni! – a partire dal 20% per la fascia da 2.000 a 3.000 euro mensili lordi … ecco i ricchi privilegiati!
      Le case confiscate sarebbero la ciliegina sulla torta, ma ancora non conterei sulla Rivoluzione, data la diffusione nella società dei sub-umani piddioti che sostengono il partito collaborazionista della troika …

      Cari saluti

      Eugenio Orso

  8. Pingback: LA PRIMA CASA E’ IMPIGNORABILE, LA SECONDA E LA TERZA ESPROPRIABILE PER PUBBLICA UTILITA’ IN FAVORE DEGLI IMMIGRATI.

  9. Ho sentito Eugenio. E sempre quella faccia di palta di Boeri l’altra sera da Floris ha lasciato intendere che la mossa prossima ventura sarà il ritocco del metodo “contributivo”. Del resto si è portato avanti facendo i conti sulla nostra pelle:

    http://pensioni.quotidiano.net/news/2015/04/04/pensioni-ricalcolo-con-il-contributivo-il-piano-boeri/

    Ovviamente dietro a questa indecente proposta c’è il FMI e quel Cottarelli già strapagato dal governo Letta.

    • Per Nessie

      Siamo sicuri che il “contributo di solidarietà” lo chiederanno solo a chi beneficia della differenza – positiva, per lui, ma è suo diritto – fra retributivo (più alto) e contributivo (più basso)? Potrebbero anche imporre il contributo sparando su tutti i pensionati, oltre i duemila euro lordi mensili “per fare cassa”, come si suol dire. Inoltre, prevedo che dopo il “rimborsino/ bonus” elettorale a 3,7 milioni di pensionati, per poco più di 2,1 miliardi di euro, non seguiranno altri rimborsi. Tl “bonus” pensionati è pensato per le amministrative del 31 maggio e per bloccare almeno parte dei ricorsi. Il compito di Boeri all’Inps è “fare proposte” – già concordate sottobanco – al governo Renzi (Poletti) per la prossima stangata sulle pensioni, che sarà l’ottava “riforma”, se ricordo bene, da Amato 1992 a questa parte! Un massacro sociale rinnovato per c/to troika. Boeri, in materia di trattamenti pensionistici tiene il posto dell’infasmissimo Ichino consigliere di Renzi (ex Pci, riciclitatosi fino a “sciolta civica”) che agisce sul versante del lavoro (e dei lavoratori da castrare …).

      Cari saluti

      Eugenio Orso

      • Concordo, alla fine – matematicamente i poveri da spennare sono TANTI ed andrebbero a compensare quelli che magari potrebbero permettersi, sia pure in associazione, di ingaggiare un principe del foro,,,

  10. Pingback: LA PRIMA CASA E’ IMPIGNORABILE, LA SECONDA E LA TERZA ESPROPRIABILE PER PUBBLICA UTILITA’ IN FAVORE DEGLI IMMIGRATI. (PAROLA DEI PDDINAMITARDI) | Generale Russo Venaus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*