La destabilizzazione nato-europoide dell’Ucraina di Eugenio Orso

Se in un paese un branco di mercenari tagliagole, di picchiatori e di assassini mette in pericolo la stabilità interna e la sicurezza della popolazione, incendia automezzi per le strade, occupa con un’estrema violenza edifici pubblici e uccide indiscriminatamente, è giustificato un duro intervento delle forze di sicurezza. Se la situazione è molto grave e le forze di sicurezza non bastano per risolvere, si può giustificare, come estrema ratio, un intervento delle forze armate, per neutralizzare criminali, mercenari e infiltrati. Questa regola, che dovrebbe essere scontata e accettata da tutti, non vale però per l’Ucraina, come non è valsa per la Siria aggredita.

Il legittimo governo ucraino di Viktor Yanukovych e la popolazione non possono difendersi, devono subire l’attacco criminale senza muovere un dito, lasciandosi massacrare e permettendo che il paese sia distrutto. Oppure devono arrendersi senza condizioni. Lo impone, minaccioso, in concerto con Washington e le principali “cancellerie” europoidi, il segretario generale della cosiddetta alleanza atlantica, ossia della nato, la peggiore organizzazione criminale soprannazionale della storia: “Invito fortemente il governo ucraino ad astenersi da ulteriore violenza. Se i militari interverranno contro l’opposizione [i criminali saccheggiatori che uccidono e devastano sventolando gli stracci stellati della ue, n.d.s. ], i legami con la Nato saranno seriamente danneggiati”. Nel frattempo le bande di insorti si permettono di far prigionieri una cinquantina di poliziotti. Una chiara minaccia, quella della nato, corroborata dalle già annunciate sanzioni ue. Un ribaltamento ipocrita della situazione reale in Ucraina, perché in questo caso – come dovrebbe essere evidente anche a un idiota – non è il governo che attacca pacifici manifestanti, ma sono le bande criminali di mercenari assassini filo-nato e filo-ue che attaccano indiscriminatamente, uccidono e fanno prigionieri, per destabilizzare quel paese e defenestrare con inaudita violenza Yanukovych. Tutto questo non c’entra con le dinamiche politico-parlamentari e il confronto fra le forze politiche nel paese, e la situazione rivela chiaramente “lo zampino” esterno.

Qual’è la grande “colpa” di Yanukovych, del suo governo e di quello sfortunato paese, popolato da ucraini e da una robusta minoranza russofona? Di non aver accettato la proposta di entrare subito nella Nato, mettendo a disposizione il territorio nazionale per basi militari dell’”alleanza” e per l’accerchiamento della Federazione Russa (in ciò, il “softpower” del serpente Obama). La “colpa” è di non aver aderito incondizionatamente all’unione europoide – contro l’interesse di tutti, ucraini e russofoni – abbassando la testa e lasciandosi fagocitare nell’eurolager. L’Ucraina martire non ha piegato il capo, davanti alle ragioni del grande capitale finanziario occidentale, e quindi deve essere duramente punita, suscitando al suo interno la guerra civile.

Gli stragisti nato e i criminali europoidi hanno giocato sulla storica rivalità che divide ucraini e russofoni, hanno infiltrato provocatori e hanno finanziato assassini, bande di delinquenti spacciate per “attivisti”, partiti e movimenti collaborazionisti. Hanno portato quel paese, di oltre quarantacinque milioni di abitanti, esteso quasi quanto la Francia, al limite del disfacimento violento. Sono determinati a suscitare, in Europa, una nuova, sanguinosa Jugoslavia, piuttosto che permettere accordi fra uno stato sovrano – l’Ucraina – e un altro stato sovrano, la Federazione Russa. Solo la prudenza e il senso di responsabilità dei russi, che conoscono bene il criminale disegno geopolitico di nato e ue orchestrato contro di loro, potranno evitare un’esplosione futura del conflitto, se questo non si placherà a partire dall’Ucraina. Il vero aggredito è la Russia, anche se il proditorio attacco passa attraverso l’Ucraina, il cui nome, in slavo, guarda caso significa “terra confinante”. I tagliagole di piazza Maidan, a Kiev, hanno fatto finora un buon lavoro, al servizio dei disegni geopolitici di dominio dei bracci del capitale finanziario occidentale, quello armato atlantista e quello sopranazionale europide.

La rabbia m’impedisce di analizzare a mente lucida la situazione. Le menzogne dei media europoidi, a questo punto, mi fanno infuriare. Chi può credere che un intero popolo, come quello ucraino, possa volere le armi nato sul proprio territorio, mettendosi in grave pericolo, e la politica del “rigore” antipopolare imposta dall’unione europoide, con la mannaiata finale dell’euro? Può crederci solo un idiota, un povero stronzo, un’inutile merdaccia politicamente corretta che crede nei “diritti umani” e in questa splendida “democrazia”. Tipico esempio di opinione pubblica in occidente. Eppure in Italia, anche quando si manifesta “pacificamente e democraticamente”, gli sbirri non si fanno scrupolo di bastonare, senza risparmio, operi disperati e disarmati vicini al licenziamento o studenti giovanissimi e innocui. Siccome le “rivoluzione colorate” e twitterate possono lasciare il tempo che trovano, fallendo miseramente, gli stragisti internazionali ed europoidi sono passati alle vie di fatto, hanno scelto direttamente il massacro, sperimentando nuove forme di aggressione e d’intrusione, per le vie brevi, proprio in Ucraina. Quello che vale in “occidente”, cioè il pacifismo strumentale, la democrazia, il dialogo, la coesione sociale, il “bon ton” nei confronti di altre correnti politiche del pensiero unico, e corbellerie propagandistiche del genere non vale più in Ucraina. In quel caso si è scelta la violenza più brutale, il mercenariato di minoranze delinquenziali, l’infiltrazione e la provocazione, per dividere, distruggere e un giorno occupare. Questa è la realtà. L’impero del male non si smentisce.

Chiudo con una debole speranza. Se in questo momento drammatico per la sopravvivenza del paese io fossi Viktor Yanukovych, mi rifiuterei di lottare con le mani legate dietro la schiena, sapendo quale nemico ho di fronte. Chiederei con urgenza un forte appoggio, anche militare, da parte della Federazione Russa, che se non è del tutto “infiacchita” potrebbe ammassare le divisioni corazzate della guardia ai confini con l’Ucraina, mostrandosi pronta a intervenire per evitare il peggio. All’interno imporrei a forze di sicurezza e militari di passare al contrattacco, magari rispolverando le vecchie mitragliatrici sovietiche KPV da 14,5 mm, per falciare senza pietà i delinquenti di Piazza Maidan e sulle altre piazze, ben consapevole che sono gli emissari dei grandi assassini internazionali. La nato e l’unione europoide. Se l’Ucraina resisterà a questo attacco brutale, rientrando nell’orbita russa, non solo la popolazione ucraina ne trarrà vantaggi (in termini di approvvigionamento energetico, di finanziamenti, di investimenti), ma forse qualche vantaggio potremmo averlo noi, seguendo l’esempio e buttando in mare atlantisti ed europoidi.

La destabilizzazione nato-europoide dell’Ucraina di Eugenio Orsoultima modifica: 2014-02-20T16:23:43+00:00da derosse
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “La destabilizzazione nato-europoide dell’Ucraina di Eugenio Orso

  1. Please let me know if you’re looking for a writer for your blog.
    You have some really great posts and I feel I would be
    a good asset. If you ever want to take some of the load off, I’d absolutely love
    to write some material for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please shoit me an e-mail iif interested. Kudos!

  2. I think this is among the most significant info for me.
    And i’m glad reading your article. But want to remark
    on few general things, The site style is perfect, the articles is
    really excellent : D. Good job, cheers

  3. My brother suggested I may like this website.

    He was entirely right. This post actually made my day.

    You can not consider simply how so much time I had spent for this info!

    Thank you!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*