Pregi e difetti di Matteo Salvini di Eugenio Orso

La Lega Nord, inizialmente per l’indipendenza della “Padania”, è il più vecchio partito fra quello oggi esistenti, in Italia. E’ nato ufficialmente il 4 dicembre 1989, in Via Carlo Bellerio n° 41 a Milano (mettiamoci pure il CAP: 20161). Nonostante il limite invalicabile rappresentato dal “muro di Ancona” dell’indimenticabile Maurizio Ferrini, ha conosciuto periodi di rapida espansione del consenso, all’inizio … Continua a leggere

Incapaci non corrotti, una fiaba italiana di Eugenio Orso

Do you remember Rosa Russo Iervolino, sindaco di Napoli? Ha “regnato”, da brava democristiana, sulla città che fu dei Totò e dei De Filippo fino al 2011(bei tempi, quelli!) e dopo è arrivato il rampante De Magistris. Ebbene, la Rosa Russo, figura castigata d’educanda di altra epoca che ha studiato dalle suore e vissuto in un convento, era proprio così, … Continua a leggere

E’ improbabile che l’Italia possa salvarsi di Eugenio Orso

1. La statistica ci insegna che non c’è una perfetta “unidirezionalità”, in quanto esistono sempre probabilità che un evento si verifichi e, nello stesso tempo, probabilità contrarie al suo verificarsi. Accanto a una strada, molto praticata, ce ne può essere un’altra, con opposta direzione, che probabilmente non imboccheremo. A volte, le probabilità che un evento negativo si verifichi sono elevatissime, … Continua a leggere

L’arroganza di Renzi di Eugenio Orso

Matteo Renzi mostra il suo vero volto, finalmente. Arrogante come non mai, dice che la questione dell’astensione elettorale è secondaria, anche se nelle recenti regionali ha raggiunto (e superato, in Emilia-Romagna) il sessanta per cento. Renzi non si preoccupa di nascondere il disprezzo per tutti coloro che hanno evitato le urne, come forma di protesta assolutamente pacifica. Anzi, li deride … Continua a leggere

Un anno dalla morte del Filosofo Costanzo Preve di Eugenio Orso

Il 23 novembre 2013 è scomparso Costanzo Preve, dopo una lunga malattia. A un anno dalla morte, a lui dedico un ricordo, riassunto in poche righe. La prima volta che incontrai Costanzo Preve fu a Bologna, in occasione di una conferenza. Fino a quel momento, di lui sapevo poco e di suo avevo letto soltanto un paio di libri, che … Continua a leggere

Effetto Renzi: l’astensione di Eugenio Orso

L’Emilia-Romagna peggio della Calabria, in queste elezioni per il rinnovo dei consigli regionali. Nessuno se lo sarebbe aspettato e l’apparato ideologico-mediatico finge di stupirsi, lanciando un’allarme-democrazia. Ma è veramente così? Ex regione “rossa”, in cui si votava in massa per il PCI e si andava alle urne “a prescindere”, l’Emilia-Romagna sprofonda nel limbo di una crisi totale, che sancisce il … Continua a leggere

Culo e camicia, Landini si scusa con Renzi di Eugenio Orso

Si lancia il sasso e poi si nasconde la mano, anzi, se non si può farlo, ci si scusa pubblicamente. Pietra dello scandalo, oggetto del contendere a colpi di twit, una dichiarazione di Maurizio Landini, fiom-sel-Tsipras e carabattole varie, il quale ha detto che gli onesti non stanno con Renzi, scoprendo finalmente l’acqua calda. Coloro che stanno con Renzi – … Continua a leggere

25 anni dalla caduta del Muro. Oscenità di un traditore della patria e del mondo di Pietro Ancona

Pubblico questo breve post di Pietro Ancona perché, con estrema semplicità, il suddetto descrive il vero significato per il mondo della caduta del muro di Berlino, mai rimpianto abbastanza. Guarda caso, la “svolta della Bolognina” (quartiere Navile di Bologna) di Achille Occhetto è stata contestuale alla caduta del muro di Berlino … con perfetto tempismo per saltare definitivamente sul carro … Continua a leggere

LO SPREAD TORNERA’, E VI TAGLIERA’ LA GOLA di Paolo Barnard

Cappello Pubblico volentieri il seguente post di Paolo Barnard perché preconizza avvenimenti futuri molto probabili e l’uso spregiudicato, una volta di più, di uno strumento di dominazione economico-finanziaria neocapitalista, rivolto contro il popolo italiano. Lo spread del btp decennale con il bund tedesco – già usato per allontanare l’eletto Berlusconi e far entrare “l’unto” dal capitale Mario Monti – lo … Continua a leggere

Il nemico del popolo è a sinistra di Eugenio Orso

Per i vecchi comunisti, ormai estinti, i nemici del popolo interni alla classe dominata, pericolosi quanto e più dei nemici di classe dichiarati, erano coloro che assumevano posizioni revisioniste (o riformiste) e in tal modo tradivano la rivoluzione aderendo de facto al capitalismo. La sinistra riformista rappresentava, per i comunisti del tempo andato, un nemico “dietro le linee”, una quinta … Continua a leggere