Il piddì vende armi allo stato islamico (indirettamente) di Eugenio Orso

Sabato 14 di gennaio, un coraggioso e incazzato giovane all’Università della Basilicata, in quel di Potenza, ha scagliato il suo Ipad contro l’insignificante burocrate piddino Roberto Speranza, pomposamente definito “leader della minoranza” interna all’entità collaborazionista della troika mondialista e del pentagono Usa. Scagliando l’oggetto tecnologico contro Speranza, questo giovane ha gridato “Il Pd vende armi all’Isis”. Il valletto piddì delle … Continua a leggere

Pentagrulli cinque stalle e altri pagliacci della politica italiana di Eugenio Orso

Il sistema occidentale, governato con pugno di ferro dal mercato globale e dalla finanza di rapina, si regge creando realtà virtuali, parallele alla realtà reale, che imprigionano le masse dominate in un mondo artificiale, menzognero, ovattato ed evitano reazioni collettive violente. Sul piano politico, il sistema per mantenersi e riprodursi si serve di false opposizioni la cui funzione è quella … Continua a leggere

Grillo getta la maschera … in Europa di Eugenio Orso

Finalmente si fa un po’ di chiarezza, intorno al cinque stalle e alle reali intenzioni di Beppe Grillo. Le novità arrivano dal parlamento europeo, che sarà pure un parlamento minore, legislatore monco, ma ci rivela dove stanno veramente i cinquestellini grulli. Se fino ad ora i grullini cinque stalle bivaccavano nel gruppo parlamentare europide EFDD – Europe of Freedom and … Continua a leggere

Anno nuovo vecchi trucchi? [Alceste]

A Capodanno abbiamo avuto due attentati: uno in Turchia, l’altro a Firenze (a dir la verità non escludo che, nel mondo, ce ne siano stati altri, di massacri, ma l’attenzione dei media va dove la porta la sciatteria e la NATO). Mentre il primo assorbiva occhi, orecchie e cuore della platea mondiale, il secondo (una bomba contro un centro culturale … Continua a leggere

Il banco del pane [Alceste]

Durante la pausa pranzo chiamo un vecchio conoscente, per un panino e un caffé. Non siamo amici in senso stretto. La nostra corrispondenza d’animo si basa, piuttosto, sull’appartenenza alla vasta area del reducismo. Reducismo di sinistra, in tal caso. A differenza del sottoscritto, che ama troncare senza preavviso dopo aver a lungo sopportato, egli ha intrapreso una progressiva e sfiancante … Continua a leggere

Euronazismo, atlantismo e dominio della finanza nel futuro dell’Italia di Eugenio Orso

Nonostante la chiara vittoria del No al recente referendum costituzionale, che ha bocciato in primo luogo Renzi, il suo governicchio e il piddì collaborazionista delle banche d’affari, non posso in alcun modo essere ottimista sulle sorti del paese e della sua popolazione. Per comprendere il mio scetticismo, teniamo conto del fatto che per l’Italia le élite hanno stabilito un percorso … Continua a leggere

La “canaglia” trumpiana, gli esclusi e l’Istinto collettivo di sopravvivenza di Eugenio Orso

La risposta globalista ai bisogni popolari nell’occidente e nel nord del mondo non è stata come quella della celebre Maria Antonietta d’Asburgo-Lorena, al popolo francese in occasione delle rivolte per il pane: “S’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche”! La risposta globalista ai ceti medi in declino e ai lavoratori è ancor peggiore, perché nel nostro caso, … Continua a leggere

Quella sporca ventina (di milioni) [Alceste]

Perché ha vinto il no? Non sono uno stratega, un economista, un demografo, un sociologo. So, tuttavia, che il potere è da sempre lo stesso, e che la verità dei suoi moventi si cela nei dettagli. I dettagli sono rivelatori poiché trascurati, in quanto apparentemente irrilevanti, dalla sua volontà di menzogna. Perché ha vinto il “No”? Ieri sera, per puro … Continua a leggere

L’Italia non ce la farà, in Austria vince la marionetta verde di Eugenio Orso

Sembra che l’Europa si condanni al giogo impostogli da Soros & C. per molti anni ancora, a partire da Austria e Italia. I segnali che giungono dall’Austria, impegnata con la ripetizione delle presidenziali, e dalla stessa Italia, chiamata al referendum costituzionale, non sono incoraggianti. Recentissimo il proclama della vittoria di Van der Bellen, marionetta verde delle élite neoliberiste, da parte … Continua a leggere

Teste rotte e nasi insanguinati [Alceste]

Mentre scrivo questa nota le clientele, i venduti, i parassiti e gli apparati statali sono alacremente al lavoro per ribaltare l’esito del referendum, da “No” a “Sì”. In queste ultime settimane, intuendo di essere alla frutta, se non peggio, tali squallide falangi si son spese molto per l’ennesima, sanguinosa, battaglia di trincea. È quella che io chiamo “guerra civile italiana”. … Continua a leggere